mutazione

La variabilità genetica di SARS-CoV-2

A cura di: Silvia Dell’Anna; Revisionato da: Stefano Vavassori – La variabilità genetica di SARS-CoV-2 e’ risultato di processi di mutazione e di ricombinazione. Questa caratteristica consente l’adattamento virale alla specie umana. L‘epidemiologia molecolare sfrutta la variabilità genetica del virus per ricostruire le catene di trasmissione nell’uomo.



Una catastrofe con conseguenze positive

Una paziente affetta da una malattia immunitaria molto rara chiamata Sindrome di Whim, caratterizzata da carenza di globuli bianchi, infezioni batteriche ricorrenti e verruche, è “misteriosamente” guarita all’età di 38…