linfociti T

SARS-CoV-2 infetta i linfociti T tramite il processo di fusione di membrana mediato dalla proteina spike.

A cura di: Sonia Fanelli; Traduzione e revisione a cura di: Giulia Poggi/Agnese Loda – La linfocitopenia è comunemente osservata in individui positivi al SARS-CoV-2 e potrebbe essere correlata al tasso di mortalità per COVID-19. In questo studio gli autori dimostrano la capacità di SARS-CoV-2 di infettare i linfociti T, ma senza potersi replicare al loro interno. Inoltre, gli autori confermano che il processo di fusione di membrana mediato dalla proteina spike virale (proteina S) è responsabile per l’ingresso di SARS-CoV-2 in cellule T, e propongono che oltre al recettore hACE2, altri recettori di membrana possano mediare l’infezione da SARS-CoV-2.






Dormire rafforza l’immunità

Un articolo pubblicato su Trends in Neurosciences suggerisce che il sonno favorisca la creazione della memoria immunitaria, il processo grazie al quale i linfociti T che hanno “incontrato” e combattuto…


Occhi e intestino

Un nuovo studio suggerisce che alcuni microbi che abitano naturalmente il nostro intestino potrebbero essere la causa per le uveiti autoimmuni, una delle principali cause di cecità. Solo negli Stati…