interferone

Una endoribonucleasi dei coronavirus colpisce la sequenza virale di poliuridine per eludere l’attivazione del sistema immunitario innato dell’ospite

A cura di: Valentina Casà; Revisionato: Claudia Foray – Per evitare di essere riconosciuti dal sistema immunitario, i coronavirus (CoV) esprimono fattori che interferiscono con i sensori dell’immunità innata dell’ospite. Mediante una endoribonucleasi (EndoU), l’RNA virale poliuridinico a polarità negativa (PUN RNA) viene scisso, per impedirne il riconoscimento da parte del sensore dell’ospite MDA5 e ritardare così la risposta interferonica (IFN). EndoU è altamente conservata in tutti i CoV, quindi potrebbe essere un buon bersaglio per approcci terapeutici.



No Image

HIV: interferone si-interferone no

L’interferone è uno dei trattamenti  utilizzati di routine nei pazienti affetti da HIV. Diversi studi hanno però messo in discussione quest’approccio. In uno studio pubblicato su Nature si fa luce sul…