Terapia Di Plasmaferesi In Meningoencefaliti Autoimmuni Correlate Al Covid-19: Una Serie Di Casi

Riassunto e traduzione dell’articolo: Dogan L, Kaya D, Sarikaya T, et al. Plasmapheresis treatment in COVID-19-related autoimmune meningoencephalitis: Case series. Brain Behav Immun. 2020;87:155-158.

Riassunto e traduzione a cura di: Lanfranco Pellesi; Revisionato: Alessio Silva

Articolo Originale Pubblicato il 7 Maggio 2020

Vengono riportati i risultati della terapia con plasmaferesi in una serie di pazienti ricoverati presso un’unità di terapia intensiva, affetti da meningoencefalite autoimmune correlata alla malattia COVID-19.

Sebbene i meccanismi patologici del virus SARS-CoV-2 siano ancora non chiari, sempre più evidenze mostrano una prognosi peggiore quando la malattia COVID-19 coinvolge il sistema nervoso.

Sei su ventinove pazienti gravemente affetti da COVID-19 e presi in carico presso un’unità di terapia intensiva hanno presentato una meningoencefalite autoimmune durante il ricovero. La diagnosi di COVID-19 è stata confermata tramite tomografia computerizzata (TC) e reazione a catena della polimerasi (PCR). I sei pazienti mostravano alti livelli sierici di proteine di fase acuta, come ferritina, proteina C reattiva, fibrinogeno e interleuchina 6. Tutti i pazienti hanno iniziato un trattamento con plasmaferesi, condotto a giorni alterni.

La puntura lombare ha individuato alti livelli di proteine senza pleocitosi in tutti i pazienti. Il quoziente dell’albumina era elevato in tre pazienti su cinque, mentre le bande oligoclonali nel liquor erano negative. Dopo aver iniziato la plasmaferesi, i pazienti sono tornati coscienti dopo il terzo ciclo (Paziente 1), il secondo ciclo (Paziente 2) ed il primo ciclo (Paziente 4 e Paziente 6), e sono stati estubati. Il Paziente 3 é peggiorato con febbre elevata ed elevati livelli sierici di ferritina. In seguito, il paziente è andato in coma ed é deceduto. Il Paziente 5 è stato sottoposto a cinque cicli di plasmaferesi per una concomitante riattivazione infettiva da citomegalovirus. I miglioramenti piú evidenti nelle analisi di laboratorio sono stati osservati nei livelli sierici di ferritina.

Questa serie di casi suggerisce l’importanza del sospetto coinvolgimento neurologico in pazienti severamente affetti dalla malattia COVID-19, ed il potenziale beneficio della plasmaferesi nei pazienti con encefalite autoimmune.

About the Author

AIRI CLIP
Siamo un gruppo di medici, biologi, e ricercatori. Scriviamo in associazione con AIRIcerca in capacità privata (non rappresentiamo le rispettive istituzioni!) nel tentativo di aiutare i medici italiani che stanno affrontando l’epidemia Covid19. Controlliamo costantemente la letteratura scientifica e forniamo brevi riassunti in italiano peer-reviewed (troverete per ogni riassunto il nome di chi lo ha scritto e chi lo ha revisionato). Per agevolare la ricerca delle informazioni, assegnamo delle parole-chiave ad ogni riassunto. Speriamo in questo modo di fornire una versione concisa e in italiano di quanto di nuovo ha da offrire la letteratura scientifica sull’epidemia.

Be the first to comment on "Terapia Di Plasmaferesi In Meningoencefaliti Autoimmuni Correlate Al Covid-19: Una Serie Di Casi"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*