Possibili Sintomi Neurologici Di COVID-19

Riassunto e traduzione dell’articolo: Wang, H.-Y., Li, X.-L., Yan, Z.-R., Sun, X.-P., Han, J., & Zhang, B.-W., Potential neurological symptoms of COVID-19, Therapeutic Advances in Neurological Disorders

Riassunto e traduzione a cura di: Francesca Di Vozzo; Revisionato: Lanfranco Pellesi

Articolo Originale Pubblicato il 28 Marzo 2020

Gli autori di questa lettera discutono i possibili sintomi neurologici nei pazienti con diagnosi di COVID-19 e propongono alcune ipotesi che spieghino la relazione tra la comparsa dell’emorragia cerebrale e la malattia COVID-19.

Questa lettera all’editore discute la presenza di sintomi neurologici nei pazienti affetti da COVID-19. Gli autori sottolineano come alcuni pazienti con diagnosi di COVID-19 non mostrino sintomi respiratori tipici, come febbre e tosse. Alcuni di loro mostrano piuttosto solo sintomi neurologici tra i sintomi iniziali, ad esempio:

  • Mal di testa, mancanza di energie, deambulazione instabile e malessere, i quali potrebbero essere dovuti a manifestazioni non specifiche causate da COVID-19
  • Emorragia cerebrale
  • Infarto cerebrale
  • Altre malattie neurologiche

In un recente studio su 214 pazienti affetti da COVID-19, 78 (36,4%) hanno mostrato manifestazioni neurologiche come mal di testa, vertigini, malattie cerebrovascolari acute e disturbi della coscienza. Di questi 214 pazienti, 40 (18,7%) sono stati ricoverati presso un’unità di terapia intensiva per gravi problemi neurologici.

Attualmente, anche se ci sono stati molti casi di pazienti con COVID-19 le cui condizioni sono state complicate da emorragie cerebrali, mancano studi pertinenti che si concentrino su questo aspetto. Pertanto, il rapporto tra la malattia COVID-19 e l’incidenza di emorragie cerebrali rimane poco chiaro. Diverse evidenze suggeriscono una possibile relazione tra questi due aspetti. I recettori angiotensin-converting enzyme 2 (ACE2) sono presenti sulla membrana cellulare delle cellule epiteliali respiratorie umane e sono necessari a SARS-CoV-2 per infettare le cellule. L´attivitá enzimatica di ACE2 abbassa fisiologicamente la pressione sanguigna. A seguito dell’infezione da SARS-CoV-2, l’espressione e la funzione delle proteine ACE2 sono ridotte. Poiché l’espressione di ACE2 nei pazienti con ipertensione è già bassa, l’infezione da SARS-CoV-2 ha probabilmente maggiori probabilità di indurre emorragie cerebrali in tali pazienti. Inoltre, i pazienti con COVID-19 soffrono spesso di coagulopatie, hanno alti livelli di D-dimero e/o hanno un tempo prolungato di protrombina, tutti fattori che contribuiscono a possibili emorragie cerebrali secondarie. Tuttavia, non sono stati segnalati casi di infarti cerebrali secondari in pazienti affetti COVID-19.

Gli autori ipotizzano inoltre che COVID-19 abbia una capacitá potenziale di indurre infarti cerebrali venosi e/o arteriosi. Infine, pochi studi hanno riportato casi di danni neurologici associati a COVID-19. Un recente articolo mostra che il virus SARS-CoV-2 può attaccare e danneggiare il sistema nervoso centrale, il SARS-CoV-2 RNA é stato rilevato nel liquido cerebrospinale.

About the Author

AIRI CLIP
Siamo un gruppo di medici, biologi, e ricercatori. Scriviamo in associazione con AIRIcerca in capacità privata (non rappresentiamo le rispettive istituzioni!) nel tentativo di aiutare i medici italiani che stanno affrontando l’epidemia Covid19. Controlliamo costantemente la letteratura scientifica e forniamo brevi riassunti in italiano peer-reviewed (troverete per ogni riassunto il nome di chi lo ha scritto e chi lo ha revisionato). Per agevolare la ricerca delle informazioni, assegnamo delle parole-chiave ad ogni riassunto. Speriamo in questo modo di fornire una versione concisa e in italiano di quanto di nuovo ha da offrire la letteratura scientifica sull’epidemia.

Be the first to comment on "Possibili Sintomi Neurologici Di COVID-19"

Leave a comment

Your email address will not be published.