Individuazione di SARS-CoV-2 in pazienti con malattia simil-influenzale

Riassunto e traduzione dell’articolo: Wen-Hua Kong, Yao Li, Ming-Wei Peng, De-Guang Kong, Xiao-Bing Yang, Leyi Wang and Man-Qing Li, SARS-CoV-2 detection in patients with influenza-like illness, Nature Microbiology Brief Communication, Maggio 2020

Riassunto e traduzione a cura di: Mirella Vivoli Vega; Revisionato: Bernadette Basilico

Articolo Originale Pubblicato il 7 Aprile 2020

Lo studio mira a comprendere meglio lo sviluppo della pandemia che ha avuto origine nella città di Whuan, tenendo conto di quei casi con una sintomatologia più lieve.

Wuhan è la più grande città della Cina centrale, con una popolazione di oltre 14 milioni. Il rapido aumento dei casi segnalati suggerisce che la trasmissione di SARS-CoV-2 si sia stabilita nella città di Wuhan e nelle regioni vicine, non oltre la fine di Gennaio. A causa della mancanza di un valido saggio diagnostico è stato difficile monitorare le prime fasi della trasmissione di SARS-CoV-2 tra la popolazione.

In questo studio retrospettivo, gli autori hanno testato la presenza di SARS-CoV-2 in pazienti con sintomi simil-influenzali (ILI), ovvero con febbre improvvisa superiore ai 38°C, tosse o mal di gola. I campioni analizzati provenivano da due ospedali in cui erano stati raccolti settimanalmente dati riguardanti il numero dei casi ILI e il numero totale di pazienti ricoverati.

Metodo: sono stati raccolti e ri-esaminati 640 tamponi dalla gola di pazienti ILI (315 di sesso maschile e 325 di sesso femminile, con una età compresa tra gli 9 mesi e gli 87 anni), per un periodo di 16 settimane, tra il 6 Ottobre 2019 e il 21 Gennaio 2020, che coincide anche con il picco di influenza e altre malattie respiratorie stagionali.

Risultati: 9 dei 640 tamponi faringei, di pazienti provenienti da diversi distretti di Wuhan, e analizzati mediante PCR, sono risultati positivi a SARS-CoV-2, suggerendo che la trasmissione di SARS-CoV2 abbia avuto inizio a Wuhan all`inizio di Gennaio 2020. I 9 campioni sono stati raccolti a Gennaio 2020, in corrispondenza di un’influenza stagionale attiva; tuttavia, non è stata rilevata alcuna co-infezione. La manifestazione clinica di ILI si sovrappone alla sintomatologia moderata di COVID-19, rappresentata dalla mancanza di polmonite o di presenza della stessa ma senza dispnea e ipossia.

Resta limitato il numero di campioni analizzati, poiché, per rivelare lo stato completo e la storia di COVID-19, occorrerebbe fare un` indagine sistematica.

Conclusioni: SARS-CoV-2 era presente già all’inizio di Gennaio in pazienti con sintomi simil-influenzali. Questo lavoro fornisce informazioni aggiuntive alla comprensione della fase iniziale dell’attuale epidemia e il fatto che SARS-CoV-2 sia stato rilevato in pazienti con sintomatologia moderata, nella regione di Wuhan, porta a pensare che la trasmissione della malattia COVID-19 sia partita all’inizio di Gennaio.

About the Author

AIRI CLIP
Siamo un gruppo di medici, biologi, e ricercatori. Scriviamo in associazione con AIRIcerca in capacità privata (non rappresentiamo le rispettive istituzioni!) nel tentativo di aiutare i medici italiani che stanno affrontando l’epidemia Covid19. Controlliamo costantemente la letteratura scientifica e forniamo brevi riassunti in italiano peer-reviewed (troverete per ogni riassunto il nome di chi lo ha scritto e chi lo ha revisionato). Per agevolare la ricerca delle informazioni, assegnamo delle parole-chiave ad ogni riassunto. Speriamo in questo modo di fornire una versione concisa e in italiano di quanto di nuovo ha da offrire la letteratura scientifica sull’epidemia.

Be the first to comment on "Individuazione di SARS-CoV-2 in pazienti con malattia simil-influenzale"

Leave a comment

Your email address will not be published.