Caratteristiche epidemiologiche, cliniche e virologiche di 74 pazienti COVID-19 con sintomi gastrointestinali

Riassunto e traduzione dell’articolo: Jin X, Lian J, Hu J, et al Epidemiological, clinical and virological characteristics of 74 cases of coronavirus-infected disease 2019 (COVID-19) with gastrointestinal symptoms Gut Published Online First: 24 March 2020. 

Riassunto e traduzione a cura di: Gabriella Assante; Revisionato: Giulia Peserico

Articolo Originale Pubblicato il 24 Marzo 2020

Questo studio fornisce un’analisi clinica, epidemiologica e virologica di 74 pazienti COVID19 con manifestazioni gastrointestinali tra il 17 gennaio e l’8 febbraio 2020, nella provincia di Zhejiang.

Nella provincia di Zhejiang, è stato condotto uno studio retrospettivo in pazienti COVID19 positivi che tra il 17 Gennaio e l’8 Febbraio 2020 avevano anche presentato sintomi gastrointestinali.  Su 651 soggetti COVID19 positivi, 74 pazienti (11.4%) al momento del ricovero presentavano almeno un sintomo gastrointestinale. In particolare, 10 pazienti riscontravano nausea, 11 vomito e 53 avevano diarrea descritta come “feci molli più di tre volte al giorno” e una durata media di 4 giorni, min 1 gg – max 9 gg (L’uso di antibiotico e la presenza di Clostridium nelle feci, sono entrambi stati esclusi) Inoltre tutti i sintomi gastrointestinali erano sempre accompagnati da febbre e / o tosse.

L’età media dei pazienti era di 46,14 anni con un uguale rapporto uomo:donna, la diarrea era presente nel 8,14% dei casi rispetto ai 651 pz, ed è stato il sintomo gastrointestinale più comune. Inoltre, nessun paziente presentava condizioni cliniche sottostanti o pregresse, ma 51,35% era stato a Wuhan mentre il 43,24% aveva avuto contatti con soggetti positivi. In generale 63 pazienti con sintomi gastrointestinali hanno manifestato febbre alta fino a 40,3 ° C e 8 di loro hanno presentato difficoltà respiratorie. Il 10,8% dei pz con sintomi GI presentava un’epatopatia cronica sottostante, una percentuale molto maggiore rispetto al gruppo di controllo senza sintomi GI. Solo il 12,16% dei pazienti con problemi gastrointestinali presentava polmonite unilaterale rispetto al 23,22% di quelli senza sintomi. Nessuna differenza significativa è stata trovata in termini di procalcitonina e proteina C reattiva tra i due gruppi ma i pazienti con sintomi gastrointestinali presentavano un decorso generalmente peggiore della malattia.

Per quanto riguarda i trattamenti, 66 pazienti hanno ricevuto un trattamento antivirale con interferone alfa, arbidolo cloridrato, lopinavir e ritonavir.  Per quanto concerne invece il decorso, il 6.76% dei pazienti con sintomi gastrointestinali ha poi sviluppato ARDS, il 17.57% danno epatico e l’1.35% shock e solamente un paziente è morto. E’ importante sottolineare che la presenza di sintomi gastrointestinali sembra essere associata ad una maggiore attitudine per lo sviluppo di danno epatico. Nessun paziente ha avuto grave insufficienza renale o è stato trattato con ossigenazione extracorporea della membrana, ma 5 di loro hanno richiesto il ricovero in ICU. Sulla base di analisi univariate sono stati identificati 11 fattori di rischio per le forme severe di COVID19 come età superiore a 50 anni, produzione di muco, condizioni cliniche preesistenti, diverse infezioni polmonari, aumento di ALT, LDH, glucosio e CRP. Successive analisi hanno poi rilevato che la produzione di muco così come un aumento di LDH e livelli di glucosio sono fattori di rischio indipendenti di forme severe di COVID19 nei pazienti con sintomi gastrointestinali.

Conclusioni

Complessivamente, Il coronavirus può infettare le cellule ospiti utilizzando la proteina S per legare il recettore ACE2 espresso nel tratto gastrointestinale e questa capacità che è stata identificata, è forse il fattore scatenante per i forti sintomi gastrointestinali in alcuni pazienti COVID19. Inoltre, nella proteina S sono stati trovati siti di metilazione che danno al virus diverse funzioni che sono alla base delle sue variazioni epidemiologiche e cliniche.

I pazienti con sintomi gastrointestinali presentano evidenze cliniche più gravi del virus rispetto a quelle in cui il GI non è coinvolto, poiché ciò li predispone maggiormente ai disturbi elettrolitici come la riduzione del sodio sierico che è alla base di numerose manifestazioni cliniche del virus. Inoltre è necessario sorvegliare anche l’andamento della funzionalità e del danno epatico dato il riscontro di livelli aumentati di AST e di una proporzione maggiore di pazienti affetti da epatopatie croniche nei pazienti COVID+ con sintomi GI.                                                                      


About the Author

AIRI CLIP
Siamo un gruppo di medici, biologi, e ricercatori. Scriviamo in associazione con AIRIcerca in capacità privata (non rappresentiamo le rispettive istituzioni!) nel tentativo di aiutare i medici italiani che stanno affrontando l’epidemia Covid19. Controlliamo costantemente la letteratura scientifica e forniamo brevi riassunti in italiano peer-reviewed (troverete per ogni riassunto il nome di chi lo ha scritto e chi lo ha revisionato). Per agevolare la ricerca delle informazioni, assegnamo delle parole-chiave ad ogni riassunto. Speriamo in questo modo di fornire una versione concisa e in italiano di quanto di nuovo ha da offrire la letteratura scientifica sull’epidemia.

Be the first to comment on "Caratteristiche epidemiologiche, cliniche e virologiche di 74 pazienti COVID-19 con sintomi gastrointestinali"

Leave a comment

Your email address will not be published.