Il primo caso di meningite/encefalite associato ad infezione da SARS-CoV-2

Riassunto e traduzione dell’articolo: Takeshi Moriguchi, Norikazu Harii, Junko Goto, Daiki Harada et al., A first Case of Meningitis/Encephalitis associated with SARS-Coronavirus-2,  International Journal of Infectious Diseases, 

Riassunto e traduzione a cura di: Alda Rocca; Revisionato: Edda Cava

Articolo Originale Pubblicato il 25 Marzo 2020

In questo articolo viene riportato il primo caso di meningite da SARS-CoV-2, presentatosi con convulsioni e perdita di coscienza. L’RNA di SARS-CoV-2 è stato ritrovato nel LCR, che era invece negativo ai tamponi nasofaringei, e inoltre il paziente presentava Rx-torace negativo. Alla RMN cranio era presente iperintensita’ di segnale delle pareti del ventricolo destro e del lobo mesiale temporale destro e dell’ ippocampo.

Gli autori riportano il caso di un uomo di 24 anni, che si presentava con mal di testa, astenia e febbre, e dopo 3 giorni, presentava anche mal di gola. Il nono giorno, veniva trovato in stato di incoscienza, dopo aver vomitato, inoltre durante il trasporto in emergenza all’ospedale manifestava crisi epilettiche diffuse. All’arrivo in ospedale, presentava rigidità nucale, un GCS di 6 (E4 V1 M1).

Analisi ed esami strumentali mostravano:

  • Ematochimici: leucocitosi, principalmente neutrofilia con relativa linfocitopenia; aumento PCR; anti-HSV1 and varicella-zoster IgM assenti
  • TC torace: piccole opacità bilaterali a vetro smerigliato
  • Tamponi nasofaringei: SARS-CoV-2 RNA negativo
  • Puntura lombare: pressione >320 mmH20; conta cellulare 12/microL.; SARS-CoV-2 RNA +
  • CT cranio: non edema
  • RMN cranio: DWI mostrava iperintensita’ sulla parete del corno inferiore del ventricolo laterale destro. FLAIR mostrava iperintensita’ di segnale nel lobo temporale mesiale destro e nell’ippocampo. Questi segni erano suggestivi di ventricolite ed encefalite. Immagini in T2 mostravano pansinusite paranasale.

Il paziente veniva ricoverato in terapia intensiva e trattato con ceftriaxone, vancomicina, aciclovir e steroidi e.v.. Inoltre, venivano avviati  Levetiracetam e Favipiravir.

Questo caso dimostra il potenziale neuroinvasivo del virus (1).

Nel 2005, Gu et al. (2) trovarono sequenze di genoma di SARS-CoV nel tessuto cerebrale di tutte le autopie di SARS, specialmente nell’ippocampo. Recenti studi segnalano sequenze genomiche simili tra SARS-CoV e SARS-CoV-2 (3), soprattutto nei domini di legame al recettore (4), che per entrambi è ACE2. Per queste ragioni SARS-CoV e SARS-CoV-2 protrebbero invadere le stesse aree nel cervello.

Poiche’ non si puo’ escludere l’infezione da SARS-CoV-2 in pazienti con tampone nasofaringeo negativo, bisognerebbe considerare che meningite ed encefalite potrebbero essere la presentazione iniziale in pazienti affetti SARS-CoV-2 non conclamato.

Bibliografia:

Li YC, Bai WZ, Hashikawa T. The neuroinvasive potential of SARS-CoV2 may play a role in the respiratory failure of COVID-19 patients. J Med Virol. 2020 Feb 27.

Gu J, Gong E, Zhang B, Zheng J, Gao Z, Zhong Y, Zou W, Zhan J, Wang S, Xie Z, Zhuang H, Wu B, Zhong H, Shao H, Fang W, Gao D, Pei F, Li X, He Z, Xu D, Shi X, Anderson VM, Leong AS. Multiple organ infection and the pathogenesis of SARS. J Exp Med. 2005 Aug 1;202(3):415-24.

Yu F, Du L, Ojcius DM, Pan C, Jiang S. Measures for diagnosing and treating infections by a novel coronavirus responsible for a pneumonia outbreak originating in Wuhan, China. Microbes Infect. 2020 Mar;22(2):74-79.

Lu R, Zhao X, Li J, Niu P, Yang B, Wu H, Wang W, Song H, Huang B, Zhu N, Bi Y, Ma X, Zhan F, Wang L, Hu T, Zhou H, Hu Z, Zhou W, Zhao L, Chen J, Meng Y, Wang J, Lin Y, Yuan J, Xie Z, Ma J, Liu WJ, Wang D, Xu W, Holmes EC, Gao GF, Wu G, Chen W, Shi W, Tan W. Genomic characterisation and epidemiology of 2019 novel coronavirus: implications for virus origins and receptor binding. Lancet. 2020 Feb 22;395(10224):565-574.

About the Author

AIRI CLIP
Siamo un gruppo di medici, biologi, e ricercatori. Scriviamo in associazione con AIRIcerca in capacità privata (non rappresentiamo le rispettive istituzioni!) nel tentativo di aiutare i medici italiani che stanno affrontando l’epidemia Covid19. Controlliamo costantemente la letteratura scientifica e forniamo brevi riassunti in italiano peer-reviewed (troverete per ogni riassunto il nome di chi lo ha scritto e chi lo ha revisionato). Per agevolare la ricerca delle informazioni, assegnamo delle parole-chiave ad ogni riassunto. Speriamo in questo modo di fornire una versione concisa e in italiano di quanto di nuovo ha da offrire la letteratura scientifica sull’epidemia.

Be the first to comment on "Il primo caso di meningite/encefalite associato ad infezione da SARS-CoV-2"

Leave a comment

Your email address will not be published.