Procalcitonina In Pazienti Gravi Con Malattia Da Coronavirus (Covid-19): Una Meta-Analisi

Riassunto e traduzione dell’articolo: Giuseppe Lippi, Mario Plebani, Procalcitonin in patients with severe coronavirus disease 2019 (COVID-19): A meta-analysis, Clinica Chimica Acta, 2020.

Riassunto e traduzione a cura di: Laura Martin; Revisionato: Bernadette Basilico

Articolo Originale Pubblicato il 4 Marzo 2020

Scopo: Studiare se la procalcitonina, il cui valore resta sostanzialmente invariato nei pazienti con infezioni virali, possa giocare un ruolo nella distinzione dei pazienti COVID-19 gravi da quelli non gravi.

Metodi: É stata condotta una ricerca su Medline, Scopus e Web of Science, usando le parole chiave “procalcitonina” e “2019 novel coronavirus/2019-nCoV/COVID-19”, senza porre alcun filtro di data o lingua. Tutti i documenti trovati, assieme alle rispettive bibliografie, sono stati esaminati dagli autori, che hanno infine selezionato un totale di 4 studi [1], [2], [3], [4].  
I risultati di questi studi sono stati combinati in una meta-analisi, condotta per calcolare le odd ratios (OR) individuali e di gruppo, e i relativi intervalli di confidenza del 95% (95% CI), utilizzando il software MetaXL Version 5.3.

Risultati: La pooled OR dei 4 studi mostra che l’aumento del valore di procalcitonina é associato a un rischio quasi 5 volte maggiore d’infezione grave da SARS-CoV-2 (OR, 4.76; 95% CI, 2.74–8.29). L’eterogeneitá tra i diversi studi é risultata modesta (i.e., 34%).

Discussione: Nonostante il numero totale di pazienti COVID-19 con alti valori di procalcitonina sembri limitato, questi risultati suggerirebbero che la misurazione seriale della procalcitonina possa essere utile per prevedere lo sviluppo di forme gravi della malattia.

Esiste una spiegazione plausibile per questi dati ed é la seguente.
La produzione e rilascio in circolazione della procalcitonina é:

  • inibita dall’interferone (INF)-γ, la cui concentrazione aumenta durante le infezioni virali;
  • sostenuta attivamente dall’aumento delle concentrazioni di interleuchina (IL)-1β, fattore di necrosi tumorale (TNF)-α e IL-6 durante le infezioni batteriche.

Non é strano quindi che il valore di procalcitonina rimanga nel range di riferimento in molti pazienti con infezioni da SARS-CoV-2 senza complicazioni e che aumenti sostanzialmente nei pazienti che sviluppano gravi forme di COVID-19 per co-infezione batterica.

Questa spiegazione sarebbe supportata da uno studio recente che ha dimostrato l’utilitá di misurare la concentrazione di procalcitonina per l’identificazione di co-infezioni batteriche in bambini colpiti da gravi infezioni virali al tratto respiratorio inferiore [5].

Conclusioni: Sará assolutamente necessario effettuare ulteriori studi per verificare la possibile origine batterica dell’aumento di procalcitonina nei pazienti COVID-19 gravi.

Bibliografia:

[1] Guan WJ, Ni ZY, Hu Y, Liang WH, Ou CQ, He JX, Liu L, Shan H, Lei CL, Hui DSC, Du B, Li LJ, Zeng G, Yuen KY, Chen RC, Tang CL, Wang T, Chen PY, Xiang J, Li SY, Wang JL, Liang ZJ, Peng YX, Wei L, Liu Y, Hu YH, Peng P, Wang JM, Liu JY, Chen Z, Li G, Zheng ZJ, Qiu SQ, Luo J, Ye CJ, Zhu SY, Zhong NS; China Medical Treatment Expert Group for Covid-19. Clinical Characteristics of Coronavirus Disease 2019 in China. N Engl J Med. 2020 Feb 28.

[2] Zhang JJ, Dong X, Cao YY, Yuan YD, Yang YB, Yan YQ, Akdis CA, Gao YD. Clinical characteristics of 140 patients infected with SARS-CoV-2 in Wuhan, China. Allergy. 2020 Feb 19.

[3] Huang C, Wang Y, Li X, Ren L, Zhao J, Hu Y, Zhang L, Fan G, Xu J, Gu X, Cheng Z, Yu T, Xia J, Wei Y, Wu W, Xie X, Yin W, Li H, Liu M, Xiao Y, Gao H, Guo L, Xie J, Wang G, Jiang R, Gao Z, Jin Q, Wang J, Cao B. Clinical features of patients infected with 2019 novel coronavirus in Wuhan, China. Lancet. 2020 Feb 15;395(10223):497-506.

[4] Wang D, Hu B, Hu C, Zhu F, Liu X, Zhang J, Wang B, Xiang H, Cheng Z, Xiong Y, Zhao Y, Li Y, Wang X, Peng Z. Clinical Characteristics of 138 Hospitalized Patients With 2019 Novel Coronavirus-Infected Pneumonia in Wuhan, China. JAMA. 2020 Feb 7.

[5] Kotula JJ 3rd, Moore WS 2nd, Chopra A, Cies JJ. Association of Procalcitonin Value and Bacterial Coinfections in Pediatric Patients With Viral Lower Respiratory Tract Infections Admitted to the Pediatric Intensive Care Unit. J Pediatr Pharmacol Ther. 2018 Nov-Dec;23(6):466-472.

About the Author

AIRI CLIP
Siamo un gruppo di medici, biologi, e ricercatori. Scriviamo in associazione con AIRIcerca in capacità privata (non rappresentiamo le rispettive istituzioni!) nel tentativo di aiutare i medici italiani che stanno affrontando l’epidemia Covid19. Controlliamo costantemente la letteratura scientifica e forniamo brevi riassunti in italiano peer-reviewed (troverete per ogni riassunto il nome di chi lo ha scritto e chi lo ha revisionato). Per agevolare la ricerca delle informazioni, assegnamo delle parole-chiave ad ogni riassunto. Speriamo in questo modo di fornire una versione concisa e in italiano di quanto di nuovo ha da offrire la letteratura scientifica sull’epidemia.

Be the first to comment on "Procalcitonina In Pazienti Gravi Con Malattia Da Coronavirus (Covid-19): Una Meta-Analisi"

Leave a comment

Your email address will not be published.