Utilizzo di Baricitinib come trattamento per COVID-19.

Riassunto e traduzione dell’articolo: Peter Richardson, Ivan Griffin, Catherine Tucker, Dan Smith, Olly Oechsle, Anne Phelan, Justin Stebbing, Baricitinib as potential treatment for 2019-nCoV acute respiratory disease, Lancet.

Riassunto e traduzione a cura di: Francesca La Cava; Revisionato: Francesca Fonata

Articolo Originale Pubblicato il 4 febbraio 2020

Molti virus entrano nelle cellule attraverso l’endocitosi mediata da recettori. Come recettore, il n2019 SARS-CoV-2 utilizza ACE2 (Enzima Convertitore dell’Angiotensina, tipo 2), che si trova sulle proteine di superficie di diverse cellule, in particolare le AT2, le cellule epiteliali alveolari, che risultano essere particolarmente prone all’infezione. Poiche’ uno dei regolatori dell’endocitosi di ACE è l’AP2 protein chinasi 1 (AAK1), interferire con AAK1 potrebbe bloccare l’ingresso del virus.

Gli autori di questa lettera a Lancet hanno utilizzato una tecnologia di ricerca basata su intelligenza artificiale (BenevolentAI) per ricercare inibitori di AAK1 con potenziale terapeutico per Covid19.

Tra i 378 inibitori AAK1, 47 sono approvati per uso medico e, tra questi, 6 inibiscono AAK1 con alta affinità. Alcini chemioterapici che inibiscono AAK1, come Sunitinib Erlotinib, però, causano effetti collaterali severi e non sono consigliati in pazienti con un infezione virale come quella causata da n2019-SARS-CoV2.

Baricitinib invece è un inibitore di JAK (Janus Kinase), che lega anche GAK, un altro regolatore dell’endocitosi di ACE2, e, come riportano gli autori, AAK1. La concentrazione di Baricitinib plasmatica alla dose terapeutica (2, 4 mg /una volta al giorno) sembra essere sufficiente ad inibire AAK1. Per questo gli autori ritengono che il farmaco potrebbe essere utilizzato per ridurre l’entrata virale (GAK, AAK1) e l’infiammazione (JAK) in pazienti affetti da COVID-19.

Un trial clinico potrebbe essere proposto con l’utilizzo di endpoints con score MuLBSTA, un modello di predizione della mortalità nella polmonite virale.

Bibliografia:

Neveu G, Ziv-Av A, Barouch-Bentov R, Berkerman E, Mulholland J, Einav S.
AP-2-associated protein kinase 1 and cyclin G-associated kinase regulate
hepatitis C virus entry and are potential drug targets
. J Virol. 2015
Apr;89(8):4387-404.

Al-Salama ZT, Scott LJ. Baricitinib: A Review in Rheumatoid Arthritis. Drugs.
2018 May;78(7):761-772.

About the Author

AIRI CLIP
Siamo un gruppo di medici, biologi, e ricercatori. Scriviamo in associazione con AIRIcerca in capacità privata (non rappresentiamo le rispettive istituzioni!) nel tentativo di aiutare i medici italiani che stanno affrontando l’epidemia Covid19. Controlliamo costantemente la letteratura scientifica e forniamo brevi riassunti in italiano peer-reviewed (troverete per ogni riassunto il nome di chi lo ha scritto e chi lo ha revisionato). Per agevolare la ricerca delle informazioni, assegnamo delle parole-chiave ad ogni riassunto. Speriamo in questo modo di fornire una versione concisa e in italiano di quanto di nuovo ha da offrire la letteratura scientifica sull’epidemia.

Be the first to comment on "Utilizzo di Baricitinib come trattamento per COVID-19."

Leave a comment

Your email address will not be published.