47D11 – Anticorpo umano monoclonale per bloccare l’infezione da SARS-CoV2 (COVID-19)

Riassunto e traduzione dell’articolo: Chunyan Wang, Wentao Li, Dubravka Drabek, Nisreen M.A. Okba, Rien van Haperen, Albert D.M.E. Osterhaus, Frank J.M. van Kuppeveld, Bart L. Haagmans, Frank Grosveld, Berend-Jan Bosch. A human monoclonal antibody blocking SARS-CoV-2 infection. BioRxiv. Disclaimer: This article is a preprint and has not been certified by peer review

Riassunto a cura di: Sytse Piersma; Traduzione a cura di: Francesca Fontana; Revisionato: Stefania Principe

Articolo Originale Pubblicato il 12 Marzo 2020

Questo studio di Wang et al valuta il potenziale neutralizzante di nuovi anticorpi monoclonali contro il virus pandemico SARS-CoV2. Gli autori usano un protocollo di immunizzazione seriale in topi transgenici H2L2 per generare anticorpi con regioni variabili umane. Utilizzando un protocollo sequenziale di immunizzazione alternate con HCoV-OC43, SARS-Cov e MERS-CoV, sono stati generati anticorpi cross-reattivi, da cui sono stati derivati 51 anticorpi monoclonali. Nonostante gli anticorpi monoclonali non fossero stati generati specificamente contro SARS-CoV2, 4 cloni sono risultati cross-reattivi con la spike protein (proteina S) del SARS-CoV2.  Gli autori hanno quindi selezionato da questi l’ibridoma 47D11 per generare un anticorpo IgG1 monoclonale completamente umano. L’anticorpo risultante non era in grado di bloccare il legame della proteina S al suo recettore ACE2, ma riusciva a impedire la fusione in un modello di formazione di sincizi tra cellula e cellula, Il clone 47D11, inoltre, era in grado di neutralizzare un virus VSV pseudotipizzato con le proteine S di SARS-CoV o SARS-CoV2. In un modello di infezione di cellule VeroE6, 47D11 era in grado di neutralizzare sia l’infezione da SARS-CoV sia da SARS-CoV2, nonostante SARS-CoV fosse neutralizzato con maggiore efficienza. In linea con questi risultati, l’affinita’ di legame di 47D11 con l’ectodominio della proteina S di SARS-CoV era di 10 volte superiore rispetto a SARS-CoV2. Poiche’ SARS-CoV2 e’ un nuovo virus, e’ difficile predirre l’efficacia di 47D11 nel contesto della clinica. Un lavoro precedente degli stessi autori aveva dimostrato che anticorpi moloclonali specifici per MERS con simile attivita’ neutralizzante in vitro erano efficaci nel prevenire l’infezione in un modello murino di infezione da MERS-CoV. Questo sembrerebbe suggerire che anche 47D11 abbia il potenziale di essere clinicamente rilevante.  Strategie per creare nuovi vaccini agendo su diversi target, come solubilizzare in modo da formare stabili immunogeni usando la glicoproteina S di MERS-CoV al fine di indurre la neutralizzazione degli anticorpi virali, si è dimostrato proteggere I topi infetti.

Ulteriori studi preclinici, come il test in topi transgenici per ACE2 umano, saranno necessari per comprendere appieno il potenziale terapeutico di 47D11. Inoltre, questo anticorpo monoclonale potrebbe essere utile in futuro per identificare l’antigene virale e per sviluppare analisi sierologiche.

About the Author

AIRI CLIP
Siamo un gruppo di medici, biologi, e ricercatori. Scriviamo in associazione con AIRIcerca in capacità privata (non rappresentiamo le rispettive istituzioni!) nel tentativo di aiutare i medici italiani che stanno affrontando l’epidemia Covid19. Controlliamo costantemente la letteratura scientifica e forniamo brevi riassunti in italiano peer-reviewed (troverete per ogni riassunto il nome di chi lo ha scritto e chi lo ha revisionato). Per agevolare la ricerca delle informazioni, assegnamo delle parole-chiave ad ogni riassunto. Speriamo in questo modo di fornire una versione concisa e in italiano di quanto di nuovo ha da offrire la letteratura scientifica sull’epidemia.

1 Comment on "47D11 – Anticorpo umano monoclonale per bloccare l’infezione da SARS-CoV2 (COVID-19)"

  1. Bruno Lumachi | 4 Maggio 2020 at 16:03 |

    I need more dedailed explanation about some very technical words and procedures.
    I have appreciated your text but, please, be patient with non specialized readers (with no high knowleged immunological field).
    Thank you very much.
    Bruno, Pharm D retired (85 year old.

Leave a comment

Your email address will not be published.