Sicurezza Del Personale Durante La Gestione Dell’emergenza COVID-19 A Hong Kong

Riassunto e traduzione dell’articolo: Chang D, Xu H, Rebaza A, Sharma L, Cruz CSD. Protecting health-care workers from subclinical coronavirus infection. Lancet Respir Med 2020.

Riassunto a cura di: Chiara Piliego; Revisionato: Alessandro Strumia

Articolo Originale Pubblicato il 24 Febbraio 2020

Punti chiave dell’articolo:

  • Gli operatori che hanno in cura pazienti con COVID-19 sono ad alto rischio di contrarre l’infezione;
  • Le procedure che generano aerosol, come NIV, cannule nasali ad alti flussi, ventilazione in maschera e IOT, sono considerate procedure ad alto rischio di contagio;
  • Il personale coinvolto nella gestione di pazienti con sospetto COVID-19 deve aderire alle seguenti precauzioni: isolamento aereo, igiene delle mani e utilizzo dei DPI;
  • Indossare due paia di guanti, come pratica standard, può garantire protezione extra e minimizzare la possibilità di contaminazione da contatto;
  • Prove su manichino hanno dimostrato la minima dispersione di aerosol se le apparecchiature per la NIV o le cannule nasali ad alti flussi sono ben applicate;
  • In ogni caso, per evitare confusione e potenziali errori, si raccomanda di non usare ossigeno ad alti flussi (sopra 6 l/min) in pazienti infetti;
  • L’intubazione orotracheale andrebbe eseguita preferibilmente da un anestesista esperto, e sarebbe da eseguire precocemente in pazienti in peggioramento;
  • Un piano B per la gestione delle vie aeree deve essere sempre pronto;
  • Per la preossigenazione del paziente in corso di intubazione, evitare ventilazione in maschera; se proprio necessaria, valutare la ventilazione attraverso presidi extraglottici;
  • L’induzione a rapida sequenza è la tecnica di scelta in caso di intubazione oro-tracheale;
  • Come farmaco miorilassante in corso di intubazione è consigliato il rocuronio, per il fatto che previene tosse/vomito e per la sua durata d’azione; dosaggio consigliato: 1-2 mg/kg E.V;
  • Non appena inserito il tubo oro-tracheale, esso va cuffiato immediatamente per evitare perdite;
  • Per il monitoraggio dopo intubazione: capnografia e, solo successivamente (una volta confermato il corretto posizionamento), auscultazione.

Bibliografia:

Tran K, Cimon K, Severn M, Pessoa-Silva CL, Conly J. Aerosol generating procedures and risk of transmission of acute respiratory infections to healthcare workers: a systematic review. PLoS One 2012; 7: e35797

Casanova LM, Rutala WA, Weber DJ, Sobsey MD. Effect of single- versus doublegloving on virus transfer to health care workers’ skin and clothing during removal of personal protective equipment. Am J Infect Control 2012; 40: 369-74.

Hui DS, Chow BK, Lo T, et al. Exhaled air dispersion during high flow nasal cannula therapy versus CPAP via different masks. Eur Respir J 2019; 53: 1802339.

Yu IT, Xie ZH, Tsoi KK, et al. Why did outbreaks of severe acute respiratory syndrome occur in some hospital wards but not in others? Clin Infect Dis 2007. 44: 1017-25.

About the Author

AIRI CLIP
Siamo un gruppo di medici, biologi, e ricercatori. Scriviamo in associazione con AIRIcerca in capacità privata (non rappresentiamo le rispettive istituzioni!) nel tentativo di aiutare i medici italiani che stanno affrontando l’epidemia Covid19. Controlliamo costantemente la letteratura scientifica e forniamo brevi riassunti in italiano peer-reviewed (troverete per ogni riassunto il nome di chi lo ha scritto e chi lo ha revisionato). Per agevolare la ricerca delle informazioni, assegnamo delle parole-chiave ad ogni riassunto. Speriamo in questo modo di fornire una versione concisa e in italiano di quanto di nuovo ha da offrire la letteratura scientifica sull’epidemia.

Be the first to comment on "Sicurezza Del Personale Durante La Gestione Dell’emergenza COVID-19 A Hong Kong"

Leave a comment

Your email address will not be published.