Le cellule del sistema immunitario T regolatrici possono essere riprogrammate nel contesto tumorale per migliorare la risposta all’immunoterapia

di Mauro Di Pilato
Revisionato da Silvia Licciulli
Scarica questo Articolo in PDF

In una ricerca pubblicata sulla rivista Nature, Mauro Di Pilato e i suoi colleghi della Harvard University hanno dimostrato come le cellule T regolatrici (Treg), se riprogrammate, possano favorire il tipo di infiammazione necessaria perché il tumore risponda all’immunoterapia.

Diversi studi clinici hanno evidenziato come molti tumori non rispondano ai trattamenti con farmaci immunoterapici. L’infiammazione intra-tumorale e la conseguente infiltrazione dei linfociti T CD8 citotossici (CTL) sono tra irequisiti affinchè la terapia sia efficace.

Precedenti studi miravano ad eliminare le Treg, che hanno il ruolo di sopprimere le CTL, con conseguente rischio di autoimmunità. Nel lavoro condotto dal gruppo di ricerca di Di Pilato – capitanato da Thorsten Mempel, professore associato del Massachusetts General Hospital – si è puntato ad una strategia alternativa [1].

Per poter adempiere alla loro funzione soppressiva, le Treg ricevono stimoli intratumorali dipendenti dal loro recettore cellulare T (TCR). Questo studio, effettuato su modelli murini, dimostra come il complesso CARMA1-BCL10-MALT1 (CBM) che trasmette il segnale dal TCR abbia un ruolo chiave nel mantenimento dell’attività delle Treg. Infatti, eliminando il gene CARMA1 o inibendo farmacologicamente la proteina MALT1, èpossibile riprogrammare le Treg affinchè producano interferone-gamma a livello intratumorale.

In conseguenza alla produzione di questa citochina pro-infiammatoria, le CTL infiltrano maggiormente il tumore, il quale a sua volta sviluppa meccanismi di resistenza come per esempio la sovraespressione di PDL-1, che inibisce l’attività delle CTL. In questo contesto infiammatorio tumorale, l’immunoterapia con anticorpo anti-PD1 (che blocca l’interazione tra il recettore PD-1 presente sulle CTL ed il suo ligando PDL-1 presente sulle cellule tumorali) diventa molto più efficace. (Figura 1).

Figura 1 - Le celluleT reg sopprimono i linfociti T CD8 citotossici (CTL) e favoriscono la crescita tumorale (pannello a sinistra). In assenza del complesso CARMA1-BCL10-MALT1 (CBM, pannello a destra), le Treg producono interferone-gamma, stimolando l’infiltrazione di linfociti CTL nel tumore e la sovraespressione di PDL-1 sulle cellule tumorali. Di conseguenza, il trattamento con anticorpo anti-PD1 diventa più efficace e i CTL eliminano le cellule tumorali.

Figura 1 – Le cellule Treg sopprimono i linfociti T CD8 citotossici (CTL) e favoriscono la crescita tumorale (pannello a sinistra). In assenza del complesso CARMA1-BCL10-MALT1 (CBM, pannello a destra), le Treg producono interferone-gamma, stimolando l’infiltrazione di linfociti CTL nel tumore e la sovraespressione di PDL-1 sulle cellule tumorali. Di conseguenza, il trattamento con anticorpo anti-PD1 diventa più efficace e i CTL eliminano le cellule tumorali.

Questi risultati preclinici aprono nuove possibilità nell’immunoterapia contro il cancro, ed i successivi studi clinici, già in programma, ne dimostreranno la riproducibilità in pazienti umani. In futuro, individuare i co-fattori intratumorali che determinano la riprogrammazione delle Treg diventa cruciale per individuarei pazienti che hanno maggiore probabilità di rispondere al trattamento con inibitori del complesso CBM + anti-PD1.

Per approfondire, vi consigliamo di leggere gli articoli già pubblicati su AIRInforma dedicati ai Treg [2] e all’immunoterapia [3].

Info sui Revisori di questo articolo

Silvia Licciulli, Ph.D. in oncologia molecolare, si occupa di comunicazione scientifica presso The Wistar Institute, Filadelfia, USA.

About the Author

Mauro Di Pilato
He obtained his MD in Atmospheric Physics in 2015 at the University of L’Aquila. In 2018, in the same university, he was awarded his PhD in Atmispheric Physics and Chemistry, discussing a thesis titled “A climate engineering technique for a warming planet – Stratospheric sulfur injection as a temporary solution to greenhouse gasses increse”, published in 2019 in an extended version with Aracne Editrice (https://www.aracneeditrice.it/index.php/pubblicazione.html?item=9788825520422). He lives in Ithaca (NY), where he works as researcher at Cornell University in the Aerospace Engineering department and the the Atkinson Center for a Sustainable Future. His research interests span from the climatic effect of past volcanic eruptions, to the effect of climate change on the chemical composition of the atmosphere, and the study of possible mitigation techniques for climate change. Married with Lorenzo, in his spare time he studies and practices Historical Fencing.

Be the first to comment on "Le cellule del sistema immunitario T regolatrici possono essere riprogrammate nel contesto tumorale per migliorare la risposta all’immunoterapia"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*