Scoperta la prima esoluna

NASA/JPL
NASA/JPL

È stata pubblicata su Science Advances la scoperta confermata della prima luna in orbita ad un esopianeta.
Già da tempo si era alla ricerca di un simile oggetto, ma le fluttuazioni finora analizzate rientravano tutte nei limiti degli errori di misura. Questa volta, ricercatori della Columbia University si dicono certi di aver trovato il segnale appartenente alla luna di Kepler-1625b, basandosi su una serie di dati combinati di Kepler e Hubble Space Telescope.
Il pianeta ha un raggio simile a quello di Giove, con una massa 10 volte il gigante del sistema solare, e la sua luna (denominata Kepler-1625b-i) dovrebbe avere dimensioni simili a Nettuno.
È curioso notare che, nonostante tutte le analisi statistiche indichino che la scoperta è affidabile, i ricercatori concludono l’articolo affermando di aspettare prossime scoperte simili per ritenersi davvero certi del risultato raggiunto.


Be the first to comment on "Scoperta la prima esoluna"

Leave a comment

Your email address will not be published.