Patate a prova di riscaldamento globale

La resa ottimale della patata si ottiene in un range di temperature che va dai 14 ai 22°C, e temperature superiori possono inibire completamente la produzione di tuberi. In un contesto di global warming, una vera e propria patata bollente!
Un gruppo di scienziati del The James Hutton Institute e della University of St Andrews, in Scozia (UK), hanno sviluppato delle linee cisgeniche che esprimono una specifica variante allelica del gene di patata HEAT SHOCK COGNATE 70 in grado di mantenere elevata la resa in condizioni di moderato aumento della temperatura ambientale.
Grazie all’identificazione e alla caratterizzazione di questo allele, sarà presto possibile ottenere linee di patata termotolleranti anche utilizzando tecniche di incrocio tradizionali. Lo studio è pubblicato sul Plant Biotechnology Journal.
 



 

Be the first to comment on "Patate a prova di riscaldamento globale"

Leave a comment

Your email address will not be published.