DNA per salvare dati

Un team di ricercatori ha trovato una nuova strategia per codificare i dati digitali su larga scala e ad alta densità. Utilizzando il DNA con un nuovo approccio (chiamato “Fontana DNA”), sono riusciti a memorizzare un intero sistema operativo, film e altri file in oligonucleotidi, riuscendo a recuperare perfettamente tutte le informazioni salvate. Il gruppo sostiene di essere in grado di immagazzinare fino a  215 petabyte (215 milioni di gigabyte) in un solo grammo di DNA. Leggi l’articolo su Science.



 

Be the first to comment on "DNA per salvare dati"

Leave a comment

Your email address will not be published.