Droni come api

E’ noto che il declino degli insetti impollinatori sia ormai diventato un problema globale, con ripercussioni significative per l’impollinazione delle piante. Per mimare l’attività degli insetti, alcuni ricercatori hanno recentemente utilizzato un drone in miniatura a cui hanno aggiunto dei piccoli pennelli ricoperti da un particolare gel (ionic liquid gel). Questa sostanza è altamente appiccicosa e possiede un’adesività a lunga durata, ideale per prelevare il polline da un fiore all’altro. In più il gel ha delle proprietà fotocromatiche, e potrebbe potenzialmente nascondere i robot da aspiranti predatori. Con questa nuova tecnologia i ricercatori sono riusciti a raccogliere del polline da un giglio selvatico. Il team sostiene che i droni potrebbero un giorno imparare a volare da soli, utilizzando il GPS e l’intelligenza artificiale. Leggi l’articolo su Chem e la notizia su Science News.
 


Be the first to comment on "Droni come api"

Leave a comment

Your email address will not be published.