Dagli alberi di natale arriva una nuova plastica

La plastica è diventata ormai una costante per la realizzazione di innumerevoli prodotti e l’utilizzo di derivati del petrolio per la sintesi dei polimeri che costituiscono le materie plastiche è diventato un processo insostenibile sia dal punto di vista economico che ambientale. Negli ultimi anni la ricerca ha permesso di ottenere poliesteri come il polilattato (PLA) partendo da materie prime rinnovabili (come il mais o la canna da zucchero). Tuttavia, per rendere questi polimeri più flessibili, vengono sintetizzati dei copolimeri utilizzando un monomero (il ε-caprolattone) sintetizzato a partire da un derivato del greggio. Ricercatori del Centro di Tecnologie Chimiche Sostenibili (CSCT) presso l’Università di Bath sono riusciti a sviluppare una plastica utilizzando il pinene, un monoterpene biciclico presente negli aghi di pino responsabile del loro caratteristico profumo. Ovviamente abbattere dei pini per ottenere dei polimeri non è una valida alternativa alla petrolchimica, tuttavia grandi quantità di pinene si ottengono come prodotto di scarto nella produzione cartaria. Quindi l’utilizzo di tale composto chimico nella produzione di materie plastiche porterebbe ad un processo più ecosostenibile.
Maggiori info su phys.org, mentre il lavoro è stato pubblicato su Polymer Chemistry.     



 

Be the first to comment on "Dagli alberi di natale arriva una nuova plastica"

Leave a comment

Your email address will not be published.