Autopsia di un seme di quinoa

In un sito archeologico in Argentina, durante uno scavo effettuato negli anni `70, sono stati scoperti semi di quinoa vecchi di 2300 anni in eccellente stato di conservazione, perché ritrovati in un vaso di zucca che li ha protetti dalla luce.
Dato che in alcuni casi è stato possibile far germinare semi di oltre 2000 anni di età, un gruppo di ricercatori ha provato – senza successo – a farli germinare.
È stato possibile quindi determinare la causa della morte cellulare, dovuta ad una progressiva diminuzione dell’eterocromatina seguita da frammentazione del DNA, nonostante la struttura nucleare si sia conservata praticamente intatta. Ciò fa presupporre un evento di PCD (morte cellulare programmata).
Lo studio, dal lapidario titolo di “Death of embryos from 2300-year-old quinoa seeds found in an archaeological site” è stato pubblicato sul numero di dicembre di Plant Science da un gruppo di ricercatori argentini, e fornisce anche informazioni utili per capire i limiti di vitalità dei semi conservati nelle apposite banche.


Be the first to comment on "Autopsia di un seme di quinoa"

Leave a comment

Your email address will not be published.