Malattie zoonotiche: una nuova speranza dalle biotecnologie vegetali

Le malattie zoonotiche, ovvero quelle malattie che possono essere trasmesse dagli animali all’uomo e viceversa, sono una crescente minaccia alla salute umana ed animale (e.g. influenza aviaria, tubercolosi).
L’uso frequente di antibiotici è efficace nel contenimento delle patologie nel breve termine, ma favorisce l’insorgenza di patogeni resistenti. Le vaccinazioni sono l’unico approccio efficace, ma le campagne di vaccinazione con vaccini iniettabili sono molto costose e poco pratiche nel caso di allevamenti avicoli o in acquacoltura.
Lo sviluppo di vaccini che possono essere assunti per via orale, prodotti in piante commestibili, offre una soluzione interessante al problema. L’utilizzo di piante per la produzione di farmaci non richiede l’utilizzo di batteri e di fermentatori complesse e costose estrazioni e purificazioni dei principi attivi. Le piante che producono i vaccini possono essere coltivate anche in zone prive di impianti farmaceutici industriali, annullando costi e rischi connessi con il trasporto di medicinali. Infine, i vaccini così prodotti sono quindi adatti ad essere utilizzati anche negli allevamenti su larga scala.
Per approfondire, si legga la review pubblicata sul Plant Biotechnology Journal.


Be the first to comment on "Malattie zoonotiche: una nuova speranza dalle biotecnologie vegetali"

Leave a comment

Your email address will not be published.