Pesticidi neonicotinoidi e insetti impollinatori

I pesticidi utilizzati in agricoltura sono spesso finiti sotto accusa per la preoccupante diminuzione di insetti impollinatori, e delle api in particolare. Nel 2013 l’Unione Europea ha quindi limitato l’impiego di tre pesticidi della classe neonicotinoidi.
Tuttavia, la maggior parte degli studi sull’interazione neonicotinoidi-api sono condotti in laboratorio, e spesso i risultati non corrispondono a quelli riscontrati negli studi in pieno campo.
Un articolo pubblicato questa settimana sul Journal of Applied Ecology ha misurato gli effetti dell’applicazione di dosi realistiche di Clothianidin, uno dei pesticidi dei quali è stato limitato l’utilizzo in EU, su 20 colonie di bombi (Bombus terrestris audax) in pieno campo.
I risultati dello studio dimostrano che, sebbene gli effetti diretti del pesticida sui bombi siano minimi, la popolazione delle colonie tenda comunque a diminuire nel lungo periodo. Gli effetti non letali del pesticida, in combinazione con altri fattori di stress quali il cambio di destinazione d’uso dei terreni (land use change), possono quindi ridurre le popolazioni di impollinatori. Questo tipo di studi potrà contribuire alla valutazione di nuovi pesticidi anche prima della loro messa in commercio.
Per maggiori informazioni leggi la press release (in inglese)
 
Crediti immagine: Thomas David
 


Be the first to comment on "Pesticidi neonicotinoidi e insetti impollinatori"

Leave a comment

Your email address will not be published.