Un “caffè-filtro” per purificare le acque dai metalli pesanti

Il caffè è senza dubbio una delle bevande più amate e consumate a livello mondiale e proprio per questo genera un enorme quantità di rifiuti. Ogni anno vengono prodotti milioni di tonnellate di fondi di caffè che solo in piccola parte vengono riciclati, tutto il resto finisce nelle discariche. Ricercatori dell’IIT hanno realizzato una schiuma bioelastomerica composta per il 60% da fondi di caffè e per il 40% da eleastomero siliconico, la quale funziona da filtro per eliminare metalli pesanti dalle acque contaminate. Tale filtro è in grado di rimuovere ioni di piombo e mercurio dall’acqua con il vantaggio di poter essere utilizzato con semplicità, senza bisogno di passaggi ulteriori per la purificazione. In un esperimento in cui acqua contaminata da piombo è stata fatta passare attraverso la schiuma bioelastomerica, i ricercatori sono stati in grado di eliminare il 67% degli ioni del metallo pesante grazie a tale filtro. Maggiori info su phys.org mentre la ricerca è stata pubblicata su ACS Sustainable Chemistry & Engineering



 

Be the first to comment on "Un “caffè-filtro” per purificare le acque dai metalli pesanti"

Leave a comment

Your email address will not be published.