Biology of Death: i “fiori cadavere”

Current Biology ha prodotto un numero speciale intitolato “Biology of Death”, esplorando questo affascinante argomento da diversi punti di vista.
In linea con il tema del numero speciale, il Prof. Steve Johnson della University of KwaZulu-Natal di Durban, in Sudafrica, ha scritto un’affascinante guida divulgativa sui cosiddetti “fiori cadavere”, ovvero quei fiori che per attrarre gli impollinatori mimano l’odore e l’aspetto di carcasse animali in decomposizione.
Questo sorpendente meccanismo adattativo si è evoluto in dozzine di famiglie vegetali, tra le quali Arum e orchidee. I fiori cadavere spesso sono di dimensioni ragguardevoli: Rafflesia arnoldii e Amorphophallus titanum producono rispettivamente il più grande fiore e la più grande infiorescenza al mondo. Per approfondire leggete l’articolo a questo link.
 



 

Be the first to comment on "Biology of Death: i “fiori cadavere”"

Leave a comment

Your email address will not be published.