Polvere interstellare nel Sistema Solare

Così come già successo per altre missioni precedentemente in orbita a Giove, i ricercatori della missione Cassini sono riusciti a collezionare una serie di granelli di polvere interstellare, ovvero formatasi non all’interno del nostro Sistema Solare, ma generata da esplosioni di altre stelle.
A differenza delle altre volte però, la presenza di uno strumento appositamente progettato per l’analisi di polveri (Cosmic Dust Analyser – CDA) ed il gran numero di particelle campionate (36, ovvero 5 volte più di quelle precedentemente raccolte dalle altre missioni) ha reso possibile analizzarne la composizione chimica, pubblicandone i risultati su Science.
Sono quindi risultati presenti particelle formate da magnesio, calcio, ferro, silicio e ossigeno, elementi non tutti formatisi all’interno della stella d’origine, ma ottenuti anche tramite processamenti successivi.
 


Be the first to comment on "Polvere interstellare nel Sistema Solare"

Leave a comment

Your email address will not be published.