Rosetta scopre ghiaccio d’acqua sulla 67P

Crediti: ESA/Rosetta/NavCam

Nonostante la coda di una cometa sia composta prevalentemente da acqua, trovare le condizioni giuste per ottenere in superficie del ghiaccio è tutt’altro che comune. Per questo motivo la scoperta di due zone sulla superficie, permessa dallo spettrometro IR VIRTIS-Rosetta e pubblicata su Nature, deve essere considerata di grande importanza. E’ anche interessante notare che il tipo di ghiaccio non è simile nelle due diverse zone: in Hapi ci sono grani molto piccoli, a differenza di quelli osservati su Imhotep. La differenza è causata dalla diversa formazione, visto che nel primo caso, il ghiaccio si è formato per ricondensazione del vapore acqueo presente nei pressi della superficie, mentre nel secondo c’è stata una evoluzione più lenta.


Be the first to comment on "Rosetta scopre ghiaccio d’acqua sulla 67P"

Leave a comment

Your email address will not be published.