Attività vulcanica su Venere

Venere è da molti considerato il pianeta gemello della Terra, per via delle sue dimensioni e della sua composizione. Per questo motivo uno degli obiettivi della missione ESA Venus Express (terminata pochi mesi fa) era lo studio di possibile attività vulcanica ancora presente. Lo studio, complicato dalla densa atmosfera di Venere, è possibile grazie ad alcune “finestre” nell’infrarosso tramite le quali osservare la superficie e la temperatura associata. Nel 2010  fu dimostrato che erano presenti zone più calde in corrispondenza di aree vulcaniche, ma gli autori dello studio poterono solo affermare che quell’eccesso di temperatura era dovuto ad attività vulcanica degli ultimi 2.5 milioni di anni. Oggi, usando un canale del vicino infrarosso della Venus Monitoring Camera (VMC), è stato invece possibile notare un cambiamento di temperatura in alcune zone superficiali su un tempo scala dell’ordine dei giorni, dimostrando, così, che attività vulcanica è tuttora presente su Venere.
pubblicato il 26/6/2015

Be the first to comment on "Attività vulcanica su Venere"

Leave a comment

Your email address will not be published.