Dawn aiuta a svelare i segreti di Cerere

La sonda NASA Dawn sta svelando i molti misteri del pianeta nano comprese le famose macchie brillanti sulla sua superficie. Gli autori di uno studio guidato dal tedesco Max Planck Institute for Solar System Research descrivono il materiale luminoso  consistente con un tipo di solfato di magnesio simile al “sale inglese”.
Queste zone saline sono il risultato di una sublimazione del ghiaccio e scoperte da impatti di asteroidi.
L’altra novità pubblicata su Nature da un team a guida italiana mostra  la presenza di ammoniaca rilevata con lo spettrometro VIR. L’ammoniaca e’ tipicamente presente sui corpi del pianeta solare esterno e nelle condizioni di temperatura e pressione attuali non dovrebbe essere presente su Cerere. Questo indica che Cerere si sia formata nel sistema solare esterno e sia poi giunta nella fascia di asteroidi oppure abbia avuto un impatto con un altro corpo celeste proveniente dalla fascia di Kuiper.
Più dettagli nelle press release NASA e INAF.

Be the first to comment on "Dawn aiuta a svelare i segreti di Cerere"

Leave a comment

Your email address will not be published.