Aumento di azotofissazione in presenza di elevate quantità di CO2

Una ricerca pubblicata su Nature afferma che il Trichodesmium erythraeum, un cianobatterio azoto-fissatore fondamentale nella catena alimentare marina, in presenza di un’elevata concentrazione di CO2 si riproduce e fissa azoto a velocità maggiore che in condizioni normali. Gli esperimenti sono stati effettuati in laboratorio confrontando il comportamento del batterio a concentrazioni di CO2 simili a quelle attualmente presenti negli oceani e quelle previste per l’anno 2100. Benché l’esperimento non abbia tenuto conto di altri fattori che possono influenzare la crescita come ferro e fosforo, i risultati hanno dimostrato una strategia evolutiva di adattamento a condizioni ambientali che sono da tenere in considerazione nei modelli previsionali dei cambiamenti climatici. Per saperne di più leggi Climate central.
 



 
 
 

Be the first to comment on "Aumento di azotofissazione in presenza di elevate quantità di CO2"

Leave a comment

Your email address will not be published.