Ricreato un “velcro” biologico per la riparazione del tessuto cardiaco

Coltivare cellule cardiache in vitro ormai è una pratica consolidata; quello che è ancora da perfezionare è far si che queste cellule si organizzino nella corretta struttura tridimensionale che permetta loro di essere funzionali come in vivo. In uno studio pubblicato sulla rivista Science Advances i ricercatori hanno ricreato una struttura formata da strati di cellule cardiache, ciascuno tenuto insieme da uno scheletro sintetico a nido d’ape fatto di uno speciale polimero, che si incastrano tridimensionalmente mimando l’adesività del Velcro. Lo scopo finale del progetto è ottimizzare questa tecnologia per realizzare piccoli “blocchi” di costruzione da utilizzare per la riparazione chirurgica del tessuto cardiaco. Essendo biodegradabile, lo scheletro sintetico verrebbe degradato riassorbito entro pochi mesi. Per maggiori dettagli leggi la notizia su Science Daily.


Be the first to comment on "Ricreato un “velcro” biologico per la riparazione del tessuto cardiaco"

Leave a comment

Your email address will not be published.