Studio sull’impatto delle radiazioni sulla fauna di Chernobyl

Ricercatori dell’Università di Salford in UK hanno posizionato 42 telecamere in 84 siti all’interno della cosiddetta “zona di alienazione” di Chernobyl, la zona di 30 km intorno alla centrale nucleare, per stimare gli effetti delle radiazioni sulla fauna selvatica. Infatti a 25 anni di distanza non vi è consenso scientifico su tali effetti, visto che le radiazioni non si sono diffuse uniformemente e, d’altra parte, la fauna selvatica è mobile. Il progetto, iniziato nel 2015 ha già raccolto 10000 immagini di animali, un buon indicatore della biodiversità dell’area. Grazie alle immagini, gli scienziati individueranno le specie più adatte a cui mettere un collare per registrare il livello di radioattività a cui l’animale è esposto. Per saperne di più leggi IFL.


Be the first to comment on "Studio sull’impatto delle radiazioni sulla fauna di Chernobyl"

Leave a comment

Your email address will not be published.